Parlare con un cane




Oggi sono tornato a trovare Enzo su Facebook. E ho avuto al tentazione di fargli dire ancora qualcosa per vedere se, a distanza di qualche tempo, ha ancora qualche fan innamorato.

Enzo è un cane protagonista del libro di Garth Stein, L'arte di correre sotto la pioggia, un libro d'esordio che negli Stati Uniti (e non solo) ha avuto un successo inaspettato. La scorsa primavera in Domino ci siamo occupati di un campagna per la promozione dell'uscita italiana del libro per l'editore Piemme di poco a ridosso del Salone Internazionale del Libro di Torino.

Enzo ha debuttato con un suo blog e una sua pagina su Facebook. Enzo parlava in prima persona delle vicende che si sviluppano nel libro. Poi Facebook, con la motivazione che Enzo Sottolapioggia non era un essere umano vero, ha chiuso d'ufficio la pagina. Ed è stata la nostra fortuna. Enzo ha avuto subito una sua fan page e immediatamente il tam tam dell'ingiustizia subìta ha fatto il giro degli amici che sono diventati subito fan. Sull'onda emotiva e nel giro di un weekend Enzo ha ritrovato il doppio di fan rispetto al numero degli amici.

Quello che colpisce in questa vicenda è l'investimento emotivo che i fan hanno concesso al cane su Facebook. Bastava uno status brevissimo per scatenare commenti e "mi piace". Lo status "coccole" provoca 18 mi piace e 9 commenti, la segnalazione di un articolo sui cani 10 commenti e 61 mi piace, "ciotola nuova piena di crocchette" piace a 38 persone e scatena 19 commenti e così via.

Ma c'è di più. Quando qualcuno, nei commenti, si azzarda a rivelare il segerto di Pulcinella del fatto che non è un vero cane che scrive ma un'operazione di marketing, i fan si scatenano e difendono il loro diritto a credere:

Il poeta inglese Coleridge l'ha chiamata willing suspension of incredulity, la volontaria sospensione dell'incredulità, cioè la disponibilità ad essere vulnerabili ad una storia. E questo ne è un esempio lampante e particolarmente consapevole.

La campagna ha avuto successo tanto che è stata replicata negli Stati Uniti

Nessun commento

Leave a Reply