Veronesi Virale


Il nuovo romanzo di Sandro Veronesi X-Y viene annunciato con una campagna "virale". Gli indizi della storia (un thriller ambientato in un paesino del trentino - Borgo San Giuda) sono stati disseminati nei canali del Web 2.0.

Si parte da un sito con la ormai classica interfaccia da realismo socialista che rappresenta la scrivania dell'investigatore dove gli indizi sono disseminati. E poi Facebook e Twitter e YouTube (vedi sotto), insomma tutta la famiglia.

Niente di nuovo se non che il mondo editoriale italiano sta cominciando a capire che il pubblica va cercato (come dice Maurizio Costa di Mondadori e anche Veronesi in una intervista su Radio24) anche tra gli internauti usando un linguaggio diverso da quello della liberia e dei librai.

Nella citata intervista a Radio24 il conduttore Luca Mastrantonio (Time Out, Domenica ore 9.30) afferma che sia la prima volta che il web è usato in questo modo per promuovere la letteratura. Forse in un modo così completo e con un budget importante, sono d'accordo. Ma esistono molte altre esperienze. Per due delle quali sono testimone diretto. I libri, magari meno prestigiosi e il budget molto minore data la naturale avversione degli editori per le novità nella comunicazione ma, sia L'arte di correre sotto la pioggia di Garth Stein (Piemme) e Wings di Aprillynne Pike (Sperling e Kupfer) hanno avuto la loro parte di promozione sul social network. Una campagne sia teaser (si poteva "parlare" col protagonista ben prima che il libro fosse uscito, sia dopo per raccogliere le impressioni dei lettori) Ora vediamo come va avanti la campagna per XY e se ne riparlerà.



Nessun commento

Leave a Reply