Scolpito a rasoio


Da quando ho cominciato ad andare dal barbiere da solo le mie indicazioni sono sempre state le stesse: "cortissimi dietro e ai lati, sopra lasciali come sono". Indicazioni semplici e comprensibili che nessuno ha mai seguito. Mai troppo corti dietro e ai lati, mai troppo lunghi sopra.

Ogni barbiere, parrucchiere, pettinatrice o quant'altri lavoratori del capello hanno dovuto commentare, a voce o con le forbici le mie indicazioni. Ci sono anche quelli che, falsamente disponibili, ti mostrano un catalogo di teste degno di una tribù della Papua e ti chiedono a quale di quegli adoni diciottenni metrosessuali vorresti assomigliare.

"Ma vuole il doppio taglio?" detto con quell'aria un po' schifata che significa: "oi! hai quarant'anni, cazzo te ne vai in giro come un ragazzino (che tra l'altro il doppio taglio non si porta più)"

oppure

"Si, certo, adesso mi faccio dire da un bambino capellone come fare il mio lavoro."

Mi sono ritrovato teste rotonde, frangette, acconciature da motociclista bavarese, un finto moicano con la riga da una parte, cocuzzoli ad ananas, banane, capelli lisci come cocomeri, caschi inamovibili da seminarista, nuvole tricotiche nostalgia di un corista di San Remo negli anni settanta. Mai nulla di estremo. Niente punk, niente dandy, niente mod. Nel ricordo sono tutte acconciature variazioni sul tema della riga da una parte, la divisa del bravo ragazzo. Poi ho cominicato a rasarli. Da solo Le prime volte regolavo la lunghezza su orsetto di peluche. L'effetto uomo fiammifero era garantito. Poi ho accorciato. Per dimenticare di avere dei capelli.

I fatto è che lavorare con i creativi è una maledizione. Sono convinti di avere una risposta per tutto con la loro benedetta inventiva. Ti ascoltano per i primi tre secondi poi attaccano una sorta di annuitore automatico e partono a fantasticare sulla tua testa. E quando hai appena finito di dire "li vorrei..." sono già trasaliti.
"Con una testa così posso riprodurre l'Elvis del 1963, versione Be-bop a Lula con una sfumatura Peter Townsend degli Who di qualche anno dopo." E sono già lì ad affilare le lame.

Nessun commento

Leave a Reply