Treni strettamente sorvegliati




Questo romanzo dello scrittore praghese Boumil Hrabal comincia così:

"Quell'anno lì, il quarantacinque i tedeschi avevano perduto il dominio dello spazio sopra la nostra città. Figurarsi sopra l'intera regione, il paese. I caccia tuffatori avevano danneggiato le comunicazioni a tal punto che i treni del mattino viaggiavano a mezzogiorno, quelli del mezzogiorno a sera, quelli dei sera a notte (...)"

Fatto sta che oltre ad aver avuto la fortuna di sopravvivere al secondo conflitto mondiale, mio padre ha il raro privilegio di aveva avuto attorno a se, non conosciuti, autori eccellenti che hanno descritto ciò che lui potè vivere e sopravvivere. La sua fuga dalla Praga assediata dall'Armata Rossa su un treno attaccato dai caccia sovietici, fa il paio con il bombardamento di Dresda raccontato da Pilgrim il protagonista del capolavoro di quel grand'uomo di Kurt Vonnegut, Mattatoio numero cinque. E la raccolta non finisce qui

Nessun commento

Leave a Reply